Chiacchiere librose: parliamo di serie TV? Ecco le mie preferite.



Buongiorno Lettori, oggi ho voglia di chiacchiere un po’ fuori dagli schemi! Non vi parlo di libri, ma vi racconto le mie serie tv preferite, un amore che ho fin dalla lontana giovinezza, quando preferivo starmene sul divano a guardare una puntata di Magnum P. I. o di Trapper John M. D. (non lo conoscete, lo so, come sempre sono antica! Era un progenitore dei medical drama moderni, spin off del più celebre M. A. S. H.) piuttosto che socializzare con "umani" della mia età. 

Diciamo che sono cresciuta a libri e telefilm e anche se da alcuni anni il tempo per questi ultimi è decisamente diminuito e non riesco più a seguirne tanti, sono/sono stata una fedelissima di alcune serie. 

Forse per deformazione professionale, forse perché vengo da una famiglia di camici bianchi, il genere ospedaliero mi ha sempre affascinato. Non sto a citarvi le millemila serie seguite, credo di non essermene persa nemmeno una, ho recuperato anche quelle anni ‘70, ma una, famosissima, è per me la serie per eccellenza. Si tratta di E. R. Medici in prima linea, medical drama che per la prima volta ha portato sullo schermo con realismo la vita in un grande pronto soccorso. Dal 1995, epoca del debutto in Italia e per ben 15 stagioni, E. R. mi ha tenuto buona compagnia, mi sono immedesimata nei suoi personaggi, ai tempi ero una neolaureata più abituata ai libri che ai pazienti veri, mi ha commossa, divertita e ho pure imparato qualcosa di utile! 
E.R. è una serie che è sempre riuscita a rinnovarsi, malgrado un cast in continuo cambiamento data la lunga serialità, ha lanciato nell'olimpo cinematografico il buon George Clooney, destinato a fare grandi cose, ma anche una giovanissima Julianna Margulies, che anni più tardi ho ritrovato, elegantissima e mostruosamente brava, nel legal The Good Wife. 


Ecco, The Good Wife, legal drama conclusosi lo scorso anno, dopo sette bellissime stagioni. Io non amo il genere, di solito il mondo legale non mi affascina, ma The Good Wife è stato una rivelazione. Alicia Florrick, la protagonista, con la sua storia privata tormentata, i suoi successi in aula, i suoi tailleur bon-ton e l'anima passionale e appassionata, mi ha conquistata. Di questo telefilm ho amato la sceneggiatura mai banale, e la bravura di tutto il cast, senza esclusioni, con una Margulies davvero strepitosa.


Un altro genere che mi piace molto è il family drama, che è un po’ lo specchio del mio amore per le saghe famigliari in ambito letterario. Sono cresciuta in una famiglia non molto numerosa e ho sempre sognato fratelli e sorelle più grandi, tavolate sotto il portico, litigi e riappacificazioni e nidiate di bambini che non si sentono mai soli, forse per questo le storie famigliari mi tentano sempre, tra le tante, la mia preferita in assoluto è Brothers & Sisters. 
In onda dal 2006 al 2011, la serie racconta le vicende della famiglia Walker, ovvero della matriarca Nora (una grandissima Sally Field) e dei suoi cinque figli, adulti e decisamente incasinati. Tra drammi, gelosie, lacrime e risate, Brothers & Sisters vanta un grande cast, dialoghi impeccabili e personaggi che ho amato tanto. 

Più casereccio e americano (apple pie, baseball e buoni sentimenti), ma comunque molto piacevole,  Parenthood, incentrato sulla famiglia Braverman; la serie, nel cast Lauren Graham e Peter Krause, tratta, tra gli altri, il tema dell'autismo in modo delicato ma molto credibile. Il team Braverman è decisamente promosso, con lacrime nell'episodio finale; non altrettanto si può dire della sua versione italiana dal titolo Tutto può succedere, andata in onda su Rai1 la scorsa stagione. 


Rimanendo in ambito di rapporti famigliari, di sangue e non, vi segnalo la serie This is us, attualmente in onda su Fox life (quasi in contemporanea con gli Stati Uniti). Trama molto particolare, che non vi svelo, perché secondo me è un telefilm da vedere senza spoiler, a scatola chiusa. Personalmente, per quello che ho visto, è la rivelazione della stagione. 


In mezzo a tante serie drammatiche, un po’ di sano trash diverte e intrattiene. Prendete Revenge (2011-2015), ad esempio, misto tra teen drama, thriller e soap opera, liberamente tratto dal romanzo Il conte di Montecristo. Improbabile e cervellotico, tra intrighi, gelosie e tradimenti, ma ottimo per serate divano-cioccolatini e neurone in modalità riposo. 


Altra serie virata al trash è Grey's Anatomy, arrivato quest'anno alla tredicesima stagione. Partito come medical drama incentrato sulla vita ospedaliera, ma soprattutto sentimentale, di cinque medici tirocinanti, Grey's è stato un mio grande amore. Frizzante, ben scritto, con un cast ben amalgamato, questo telefilm ha lanciato una coppia molto glamour e molto amata: Patrick Dempsey e Ellen Pompeo nel ruolo di Meredith e Derek. Confesso di esserne stata una fan accanita. Purtroppo, con il passare degli anni, la serie, decimata nel cast originale, non ha saputo rinnovarsi ed è diventata una sorta di soap opera con molto dramma e nemmeno un pizzico di quella verve che la contraddistingueva. Io sono fedele e continuo a guardarla, più per abitudine che per piacere. Nel ricordo delle prime cinque stagioni, assolutamente deliziose.



Non mi resta che terminare con una serie in costume, elegante e raffinata, sto parlando di Downtown Abbey, la saga dei conti Grantham, della loro famiglia, della servitù e della splendida dimora nello Yorkshire. Ma la conoscete tutti, o no? Se la risposta è no, correte a recuperare tutte le puntate, ne vale la pena, anche solo per ammirare le espressioni (e le battute) della divina Maggie Smith!



Image and video hosting by TinyPic

Avete resistito fin qui? Bravissimi! Fate uno sforzo in più, aiutatemi a trovare nuovi telefilm, come potete vedere i miei preferiti sono quasi tutti arrivati al the end!
Alla prossima!




Commenti

  1. Ciao Tessa, tra i telefilm che hai elencato ho amato tantissimo Revenge e Downton Abbey. Se posso consigliartene qualcuno ti propongo Reign, azzeccatissimo se ami il genere storico perché parla di Maria Staurt e Francesco II di Francia ed è davvero imperdibile. Invece se vuoi qualcosa di assolutamente diverso e particolare prova con " Una serie di sfortunati eventi", non ti anticipo nulla ma posso dirti che ci troverai all'interno una specie di macabra ironia di cui farai fatica a fare a meno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Annamaria, grazie dei suggerimenti, li testerò sicuramente :)

      Elimina
  2. Tante belle cose, anche se con i period drama mi trovi impreparatissimo. Mai piaciuti. E.R, da bambino, andava per la maggiore qui a casa: ti so dire tutti i morti, pure non avendolo mai visto per bene. This is us... Frigno a ogni puntata. Ha un qualcosa di miracoloso, nella sua semplicità: splendido.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dirò, nemmeno io amo tantissimo i period drama, ma Downton è un gioiellino, secondo me dovresti provarlo, ha uno humor impagabile. E secondo me potrebbe piacerti anche Brothers & Sisters, l'hai mai provato? Forse oggi è un po' datato, ma è davvero ben scritto.

      Elimina
  3. Io ho amato E.R e ancor oggi continuo a vedere Grey's Anatomy anche se ha perso il fascino delle prime stagioni :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ohoh, appassionata di medical anche tu?! Grey's è stato un grande amore, ma questa tredicesima stagione, ad esempio, la trovo davvero inconcludente. Sigh.
      ps) Medical drama british che non conosce nessuno, ma che ho trovato bellissimo, specie la prima stagione, "Monroe". Se guardi telefilm in lingua, provalo!

      Elimina
  4. Da cccciovane ne guardavo tante! Nei primi anni di matrimonio, io e Davide passavamo intere serate guardando serie tv, accoccolati sul divano e sgranocchiando qualcosa. Poi, un po' la mancanza di tempo, un po' lo scemare delle trame interessanti, abbiamo cominciato a guardarne sempre meno. Di sicuro, tra le mie preferite rimane "Desperate Housewives", di cui non ho perso neanche una puntata. Mai guardato E.R. (scuuuuusa), però ero appassionata di "Dottor House" e continuo a guardare, forse per una forma di inerzia, Grey's Anatomy. Anche Revenge mi aveva appassionata, ma ho mollato un po' e ho perso il filo. Confermo però che "This is us" è bellissimo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. This is us ci mette tutti d'accordo! E le Housewiwives..quasi le avevo dimenticate! Piacevano anche a me :)

      Elimina
  5. Ciao Tessa, io sono vergognosamente indietro perché guardo solo quello che fanno sulla tv in chiaro e non sempre con continuità. Ho seguito le prime serie di E.R., di C.S.I. e ho amato Fargo. Ho visto anche le prime due serie di Downton e a questo punto desidero moltissimo vedere This is Us! Ora me lo segno.
    Da giovane ho visto tutte le puntate della famiglia Bradford. Che ricordi.
    baci
    Lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ce lo siamo già dette, la famiglia Bradford era unica nel suo genere! Però Brothers and Sisters secondo me in mediateca lo trovi! Merita.

      Elimina
  6. Ciao Tessa!
    Tranne Parenthood e The Good Wife, li ho visti tuuuuuutti tuuuuuutti (di Downtown Abbey solo le prime due stagioni). Aggiungo CSI e Criminal Minds che continuo a seguire con passione, e ultimamente ho aggiunto anche Profiling (mi piacciono molto le storie di disturbati mentali...dici che debba preoccuparmi?) This is us è decisamente tra quelli che mi ha colpita di più (anch'io come Mick frigno ad ogni puntata...)
    Un bacione, Stefi

    RispondiElimina
  7. ecco io invece a differenza di stefi ho visto solo ER ma giusto le prime serie. Per il risto mi sono limitata a guardarle da lontano. Negli ultimi anni io e la tv non siamo gran che amiche ! :D

    RispondiElimina

Posta un commento