Passa ai contenuti principali

Post

Lettori fissi / segui il blog!

In primo piano

Le assaggiatrici di Rosella Postorino (Ediz. Feltrinelli, 2018).

"A settembre del 2014 lessi su un giornale italiano un trafiletto a proposito di Margot Wölk, l’ultima assaggiatrice di Hitler ancora in vita. Frau Wölk aveva sempre taciuto riguardo alla sua esperienza, ma all’età di novantasei anni aveva deciso di renderla pubblica. Il desiderio di fare ricerche su di lei e la sua vicenda fu immediato".
Prende spunto da questa notizia di cronaca Rosella Postorino, ed intorno a essa costruisce la figura di Rosa Sauer, protagonista del suo bellissimo romanzo Le assaggiatrici. 
Si tratta di una storia ambientata durante la seconda guerra mondiale, in cui il nazismo e il conflitto vengono raccontati da un punto di vista inusuale, quello di una giovane donna tedesca arruolata come assaggiatrice di Hitler: destinata, assieme ad un gruppo di "colleghe", a fare da cavia, nel vero senso della parola, invitata, o per meglio dire, obbligata al desco del Fuhrer, solo per testare in anticipo il cibo a lui destinato e potenzialmente veicolo di m…

Ultimi post

Recensione: Dodici ricordi e un segreto di Enrica Tesio (Ediz. Bompiani, 2017).

Recensione: Il nostro tempo nel mondo di Abby Fabiaschi (Ediz. Nord, 2018).

Chiacchiere librose: di voti, stroncature e recensioni piene di stelle!

Recensione: Come cade la luce di Catherine Dunne (Ediz. Guanda, 2018).

Recensione: Oscuri segreti. Le cronache di Sebastian Bergman di Michael Hjorth & Hans Rosenfeldt (Rdiz. Einaudi, 2011).

Delusioni libresche. Due romanzi che non sono riuscita a terminare.

Recensione: Fiori sopra l'inferno di Ilaria Tuti (Ediz. Longanesi, 2017).

Un dio in rovina di Kate Atkinson (Ediz. Nord, 2016).

L'ultima sera di Hattie Hoffman di Mindi Mejia (Ediz. Einaudi, 2017).

Non fa niente di Margherita Oggero (Ediz. Einaudi, 2017).