Lettori fissi / segui il blog!

Recensione: L'estate del bene e del male di Miranda Beverly Whittemore (Ediz. Sonzogno, 2014).

Oggi vi parlo di un libro molto particolare, si tratta de L'estate del bene e del male di Miranda Beverly Whittemore. 
Dopo aver letto recensioni piuttosto discordanti su questo romanzo, descritto come gotico e con una protagonista non esattamente simpatica, L'estate del bene e del male mi faceva, lo ammetto, un po' paura. E' rimasto infatti nella pila dei libri da leggere per alcuni mesi, in attesa del momento giusto.

Mabel Dagmar e Eve Winslow sono compagne di stanza al college. Mabel studia grazie ad una borsa di studio, viene una famiglia umile e problematica e nel suo passato c'è qualcosa di oscuro che pesa come un macigno; ciliegina sulla torta, Mabel è bruttina e sgraziata. Eve, al contrario, è bella, bionda, ricca e lunatica, la sua famiglia è potente e apparentemente perfetta. 
È la storia più vecchia del mondo: la bella e la bruttina, la ricca e la povera, le due ad un certo punto diventano amiche e Mabel ha la possibilità di trascorrere l'estate a Winloch, la meravigliosa tenuta estiva dei Winslow, un insieme di cottage sparpagliati in un bosco affacciato su un lago del Vermont. 

Winloch accoglie Mabel ed il lettore in un abbraccio invitante ed insieme soffocante. Una natura lussureggiante e matrigna fa da sfondo alla vita privilegiata dei Winslow; sorridenti, sportivi e bianco vestiti, novelli Kennedy dei giorni nostri, Eve e famiglia rappresentano per Mabel la possibilità di riscatto da un'esistenza mediocre, un traguardo economico, sociale, ma anche affettivo. Arrampicatrice sociale e ficcanaso? Mabel è entrambe le cose, ma non è poi così antipatica come credevo, perché nella sua ossessione di diventare "una Winslow", iniziata ancora prima della fatidica estate, ho letto più volte la necessità, molto umana, di essere accettata, di cancellare un passato pesante, una famiglia modesta e fredda, quei chili di troppo che la rendono goffa e insicura. Ma i cottage di Winloch nascondono scheletri paurosi, e così, tra una nuotata, una festa, un bacio inaspettato, Mabel, l'outsider, si trova impelagata in un intreccio di perversioni, omertà e bugie in cui nessuno, ma proprio nessuno, è escluso.
Ho apprezzato il romanzo fino a tre quarti circa. Mi è piaciuto lo stile dell'autrice, una prosa ricca, personale e scorrevole, mi è piaciuta l'atmosfera soffocante ma al contempo seducente che ha saputo creare, e il fatto che per gran parte della narrazione il Male rimane sussurrato, una voce, un accenno, un tarlo, un'attesa di rivelazione che crea aspettativa e curiosità. Fin quasi all'ultimo non viene apertamente svelata l'entità, la portata di tutto il marcio che si nasconde dietro le staccionate bianche di Winloch. 
Ahimè, il finale e le verità su cui si alza il sipario sono purtroppo grossolane e pasticciate. C'è un po' troppo di tutto, in una virata alla Beautiful che personalmente non ho gradito particolarmente.
In conclusione un buon libro, molto scorrevole e intrigante, peccato per l'ultima parte un po' troppo fuori dalle righe. 

Genere: Paradiso Perduto (in tutti i sensi).
Pagine:411.
Voto:                         
                             
              e mezzo.
  

Commenti

  1. recensione impeccabile come sempre. mi fa venire voglia di leggerlo ... nonostante il finale. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo il finale non mi è proprio piaciuto. Intendendo come finale non "come finisce il libro" ma proprio la piega che prende nelle ultime 40 pagine.

      Elimina
  2. non so, di questo libro non mi aveva convinto la prima impressione e rimango un po' scettica, nonostante alcune delle tue descrizioni mi incuriosiscano ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non ti intriga la trama penso tu possa accantonare il romanzo, almeno per il momento.

      Elimina
  3. Ciao! Complimenti per la bella recensione. Mi incuriosisce molto questo libro da tempo.
    Sono qui per invitarti a partecipare ad un Link Party con sorpresa organizzato da Arwen del blog Il Rifugio degli Elfi.
    Questo è il link dove ho indicato il tuo blog come possibile partecipante:
    http://ilrifugiodeglielfi.blogspot.it/2015/10/link-party-degli-elfi-ii-edizione.html
    Spero sia di tuo interesse. Un bacione a presto :)

    RispondiElimina
  4. Volevo leggerlo, ma i finali deludenti mi scoraggiano.
    Lo metto nella famosa lunghissima tbr?
    mah

    Lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi è dispiaciuto, ha una bella atmosfera, ma la fine veramente mehhh! non so cosa consigliarti!

      Elimina

Posta un commento

Post più popolari