Lettori fissi / segui il blog!

Chiacchiere librose: I miei romanzi d'amore preferiti (contemporanei).

Cari Lettori, dato che il post di chiacchiere sulle serie thriller mi pare vi sia piaciuto, aprendo anche un confronto molto piacevole, continuo a raccontarvi i miei romanzi preferiti. Questa volta parliamo...d'amore!
Mi piacciono i romanzoni pieni di sentimenti, ma, in realtà, quasi sempre scelgo trame dove si intrecciano tante emozioni, o tanti tipi d'amore, quello per la famiglia o per gli amici, ad esempio, mentre i classici romanzi rosa non mi attraggono più di tanto. Sono romantica, sì, ma non amo il troppo zucchero!
Oggi vi dedico queste storie d'amore per me imperdibili. Come specificato nel titolo del post si tratta solo di romanzi contemporanei, se mi metto a elencare i classici faccio notte e voi vi addormentate.

Ritorno a casa di Rosamunde Pilcher. Lei è l'autrice di libri romantici per eccellenza, Ritorno a casa è, a mio avviso, il suo romanzo migliore. Nelle sue 700 pagine c'è proprio tutto: l'amicizia tra due ragazzine di ceto sociale diverso, il loro diventare donne negli anni tremendi della Seconda guerra mondiale, il senso della famiglia, e l'amore adolescenziale e struggente tra Judy, la protagonista, e Edward, bello e scapestrato.  Non si tratta del classico romanzo rosa, ma quando penso a un sentimento giovane e impossibile, Ritorno a casa è sempre lì, ben piazzato nella mia classifica.

Un giorno di David Nicholls. Una delle più popolari storie romantiche degli ultimi anni (ne è stato tratto anche un film): Emma e Dexter si amano da ragazzi, si lasciano, per vent'anni le loro vite si incrociano, più o meno casualmente, almeno una volta all'anno; litigano, intrecciano relazioni, crescono, si raccontano, troppo orgogliosi o impauriti per ammettere di amarsi ancora. Destinati a stare insieme, o forse...no? Ironico, romantico, commovente ma mai smielato. Scelta scontata, ma romanzo imperdibile.

I ponti di Madison County di Robert James Waller. Ne è stato tratto il celeberrimo film che, almeno una volta, abbiamo visto tutti; il libro magari è meno conosciuto, ma merita. Racconta un amore inatteso, impensabile eppure destinato a durare tutta la vita; è il sentimento di due adulti che devono fare i conti con la passione ma anche col senso di colpa e con la fedeltà alle proprie scelte di vita. Struggente.

D'amore e ombra di Isabel Allende. L'ho adorato quando avevo 20 anni, dovrei rileggerlo oggi, sicuramente più disincantata, e vedere che effetto mi fa. E' un romanzo forte, sanguigno, dove l'amore di due giovani, un fotografo e una giornalista, si mescola con le ombre della dittatura di Pinochet in Cile. Un libro di denuncia, una pagina storica vergognosa, due personaggi indimenticabili. Da leggere.

Io prima di te di Jojo Moyes. Appartiene alla categoria amore e malattia, dalla quale normalmente mi tengo a debita distanza; ha il difetto di essere vagamente scontato e un po' mieloso per i miei gusti, ma la protagonista, nella sua ingenuità, mi ha commosso. Ci sono caduta con tutte le scarpe e ho pianto in modo vergognoso. Io, che di solito mi commuovo solo per quadrupedi pelosi.

Le ho mai raccontato del vento del Nord di Daniel Glattauer. Storia d'amore virtuale, nata per equivoco e vissuta attraverso lo scambio di email. Leggero, ironico, originale, mi ha intrigato.



L'estate dei bisbigli di Brunella Gasperini. Un libro che appartiene alla preistoria, ma che mi piace ricordare come il mio primo romanzo "rosa". Antesignana del genere chick lit e, in questo caso, anche dello young adult, Brunella Gasperini è una scrittrice che ho amato tanto. Ambientato negli anni '50 (NO, non ero ancora nata, non fatevi strane idee) nella provincia italiana, il romanzo racconta l'estate speciale di un gruppo di amici; l'estate in cui Tessa (vi dice niente?), la forestiera, arriva in paese, scatenando le chiacchiere della "gente" e facendo innamorare il ribelle Dario. A 13 anni mi ha fatto palpitare, qualche anno fa, ristampato da Baldini e Castoldi, mi ha stupita per la sua "modernità"; certo, sarebbe improbabile proporlo ad una ragazzina nell'era di FB, e Whatsapp, ma come stile non ha nulla da invidiare a molte storie rosa attuali.


In questa lista un po' sconclusionata (da I ponti di Madison County alla Gasperini) trovate storie d'amore diverse - adolescenziali, mature, epistolari- che in qualche modo hanno lasciato in me un segno. Nel prossimo post continuerò a raccontarvi di sentimenti, tanti sentimenti, magari mescolati in un unico libro: i "romanzoni", come vengono chiamati a casa mia, che personalmente amo molto!








Commenti

  1. Su Io prima di te e Un giorno sono d'accordo.
    Le ho mai raccontato del vento del Nord, invece, non mi è piaciuto affatto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me non è dispiaciuto. Mi è rimasto impresso, non è un capolavoro, ma l'ho trovato originale.

      Elimina
  2. Un giorno e Le ho mai raccontato del vento del Nord li adoro.
    Di Madison County, invece, ho preferito il film: il libro, per me, era scritto male e comprometteva un po' la storia. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ero pronta alla delusione, visto il film, invece l'ho trovato bello (ma son passati anni, forse dovrei rileggere pure lui!).

      Elimina
    2. Io l'ho letto per caso, pagato un euro su una bancarella.
      Il film, visto a fine lettura, è potentissimo. La Streep... Quella scena in cui Eastwood è nel furgoncino davanti, e lei è indecisa, non sa se scendere oppure no, è di una tristezza infinita. I segreti di Brokeback Bountain, per me, deve tanto a questa storia.

      Elimina
    3. La Streep nel film è di una bravura che lascia senza fiato (ok, lei lo è sempre). Riesce a trasmetterti un dolore quasi "fisico" senza neanche aprire la bocca. La scelta del suo personaggio, che da ragazzina non avevo capito pienamente, con gli anni (e anche grazie alla lettura del libro) mi ha regalato grande emozione: una generosità così rara e così struggente!

      Elimina
  3. Ciao Tessa! Carinissimo quest post, ma mi posso permettere di consigliarti un libro meraviglioso che parla di amore allo stato puro con una prosa poetica e mai sdolcinato? "L' Arte di ascoltare i battiti del cuore" di Jan-Philip Sendker non puoi non leggerlo!!!
    Tra quelli che hai consigliato tu, Un giorno e Io prima di te spero di leggerli, sono in wishlist!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rosa, ciao! certo che devi consigliarmi, il post è fatto apposta per questo, scambiare opinioni e consigli! Metto Senker in WL e ti consiglio di recuperare per primo Un giorno , sono certa ti paicerà!

      Elimina
    2. Anch'io ti consiglio vivissssssimamente di leggere "L'arte di ascoltare i battiti del cuore"!!!! Confesso che i romanzi d'amore non sono prettamente il mio genere(onestamente non so nemmeno se ho un genere), ma ogni tanto ne leggo volentieri qualcuno per variare e questo libro in particolare è diventato il mio libro del cuore, tanto da acquistarne 3 copie per farlo girare con il bookcrossing. Se lo leggerai, fammi sapere cosa ne pensi ;-)

      Elimina
    3. Lo leggerò sicuramente! direi che è il più consigliato, vi farò sapere come lo trovo! grazie di essere passata, torna a trovarmi :)

      Elimina
  4. Ciao Tessa! Anche io penso che L'estate dei bisbigli sia il primo romanzo con una storia sentimentale che ho letto e ne ho un bel ricordo. Sono anni e anni che non lo riprendo in mano, non so cosa penserai ora, ma mi era piaciuto.
    Bello Ritorno a casa, amo anche Settembre e I cercatori di conchiglie, di Rosamunde Pilcher.
    Un giorno non mi ha lasciato nulla.
    I ponti di Madison Country l'ho letto parecchi anni fa e ricordo di aver pianto molto. Non mi era dispiaciuto ma non è di quei libri che ho avuto voglia di leggere e rileggere.
    Le ho raccontato del vento del nord invece non mi è piaciuto per niente, trovavo irritanti i due personaggi, lei in particolare, è non mi è scattata nessuna empatia. L'ho finito a fatica.
    Non ho letto gli altri due.
    Se non l'hai letto, il consiglio che mi viene oggi è
    Un incantevole aprile di Elizabeth von Armin. Non c'è una sola storia d'amore ed è veramente piacevole. Bello anche il film. Mentre, a proposito di film, quelli tratti dai libri della Rosamunde non rendono giustizia ai libri, secondo me.
    Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paola, lettrice incallita! dunque, i film tratti dai romanzi della Pilcher sono inguardabili, a mio giudizio (sono prodotti in Germania, con attori tedeschi e perdono proprio l'atmosfera british di cui sono pervasi i libri). Ritorno a casa, Settembre e I cercatori sono decisamente i migliori, concordo con te!
      A me Glattauer è piaciuto abbastanza, anche se, in realtà, non ho letto il seguito. In tema di romanzi epistolari, hai letto 84, Charing Cross Road? secondo me ti piacerebbe (trovi la recensione qui sul blog).
      One day invece mi è piaciuto molto, molto più il libro che il film.
      Mi segno Un incantevole Aprile. Lo leggerò sicuramente.
      Alla prossima!

      Elimina
    2. Coglierò il tuo suggerimento, allora!
      Per i film tratti dai libri della Pilcher effettivamente "inguardabili" è l'aggettivo giusto ; ), i tedeschi sono bravi per certe cose ma la leggerezza non è una loro qualità e quei film sono proprio pesanti.
      È un sacco che non leggo un bel romanzo d'amore ... Toccherà rileggere Orgoglio e pregiudizio!
      Paola

      Elimina
  5. "Un giorno" e "Le ho mai raccontato del vento del nord" sono già nella mia lista dei libri da leggere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora mi farai sapere come li hai trovati! baci

      Elimina
  6. Ciao Tessa! Bellissimo il film I ponti di Madison County, ho un tenero ricordo, ero una ragazzina spensierata che andava al cinema con ľamica del cuore...Poi hai nominato due libri che ho amato follemente, Un giorno, stupendo anche il film, e Io prima di te, una storia commovente, dolce e a tratti ironica, ingredienti perfetti per dar vita ad un'opera indimenticabile

    RispondiElimina
  7. Anch'io ho visto I ponti di Madison da ragazzina spensierata! grazie di essere passata Cuore <3

    RispondiElimina
  8. in ritardo pauroso arrivo anche io!
    cara Tessa ho un debole per la Moyes, Io prima di te è stato il suo primo libro che ho letto, ho pianto come una disperata ahahah, e mi sono innamorata di qeusta autrice che ormai non lascio più (ho ancora in sospeso il libro che ho vinto con il tuo sbarazzo!!!)
    Un giorno di David Nicholls è in wish list ed ora che lo hai inserito tra i libri d'amore che preferisci ho un motivo in più per leggerlo.

    la Pilcher invece non è mai riuscita ad attrarmi ... ho letto qualcosina di suo ma non mi ha mai convinta. così ho rinunciato a lei.
    a presto Chicca

    ps gran bel post come sempre :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chicca! non si è mai in ritardo per due chiacchiere librose. Io mi sento di consigliarti Ritorno a casa, lo trovi in qualsiasi biblioteca, credo, ed è diverso dai romanzi d'amore della Pilcher (che sono tanti, a volte ripetitivi). Dagli una chance!

      Elimina
  9. Noooooo...i ponti di Madison noooo...ancora rido se penso alla scena di sesso in cui a lei sembra di avere a che fare con un leopardo o un ghepardo....
    d'altra parte io non sono molto romantica
    un baciotto da lea
    Le ho mai raccontato ecc è nella mia lista dei libri da leggere e anche io prima di te

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaah, quella del leopardo non la ricordavo. Nemmeno io sono molto romantica inside; I ponti li ho rivalutati col tempo!

      Elimina
  10. "Io prima di te"... Letto in una notte insonne iniziata troppo presto, è resa tale dalla presa di quei righi romantici e crudelmente realistici

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un mare di lacrime, ancora me lo ricordo come ero ridotta alla fine!

      Elimina
  11. Ciao Tessa, le ho mai raccontato del Vento del Nord lo adoro, nella sua semplicità mi ha tenuta incollata e mi ha fatto piangere un sacco mannaggia.gli altri li conosco tutti ma non li ho letti. Un giorno lo leggerò di sicuro e anche la Moyes. L'Allende non so, temo il suo essere troppo prolissa. ROosamundae non credo. Baci e a presto!

    RispondiElimina
  12. Ciao Tessa, le ho mai raccontato del Vento del Nord lo adoro, nella sua semplicità mi ha tenuta incollata e mi ha fatto piangere un sacco mannaggia.gli altri li conosco tutti ma non li ho letti. Un giorno lo leggerò di sicuro e anche la Moyes. L'Allende non so, temo il suo essere troppo prolissa. ROosamundae non credo. Baci e a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accipicchia, mi ero persa il tuo post, scusa!!
      Secondo me l'Allende dovresti provarla (magari partendo da La casa degli spiriti). Non riesco a convincere che la Pilcher, in alcuni romanzi, è asssai bella. Tu che ami , mi pare, la Morton..dovresti provarla!

      Elimina
  13. Tessa!!!!! Ho iniziato a leggere un giorno e non riesco a staccarmene. Picchierei Dex e adoro Em, ma quanto tristezza.
    un saluto dal Lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah, aspetta di arrivare in fondo! sono contenta di piaccia.

      Elimina

Posta un commento