Lettori fissi / segui il blog!

Chiacchiere librose: le mie storie famigliari preferite.

Oggi vi voglio parlare di un genere che ha sempre esercitato su di me un grande fascino: la saga famigliare. Come sempre mi  focalizzo su titoli di letteratura moderna, mettendoci del mio: quindi troverete qualche romanzo molto noto e "classico", ma anche qualche libro meno conosciuto e probabilmente un po' datato.

La casa degli spiriti di Isabel Allende. Ecco un evergreen. Penso non si possa citare il genere, senza che il pensiero vada alla storia di Esteban Trueba e Clara del Valle; mistero, fascino, passione, storia e finzione, realtà e fantasia.  Imperdibile.

Conta le stelle se puoi di Elena Loewenthal. Un romanzo poco conosciuto, che a me è piaciuto tanto. Delicato, malinconico, ma al contempo forte come Nonno Moise e la sua grande famiglia. Un libro che racconta piccoli eventi che danno vita ad un grande affresco: potete leggere la mia recensione completa qui.

Medicus e la trilogia della famiglia Cole, di Noah Gordon.  Questo libro lo conoscono in pochi, ma, una ventina di anni fa, io ne rimasi affascinata. Medicus (1986) è un romanzo storico, narra la storia di Robert J. Cole, che attorno all'anno 1000, a Londra, diviene apprendista cerusico e scopre di avere un dono, un dono che lo porterà fino in Persia, alla scuola di Avicenna, a studiare medicina. Romanzo avventuroso (un po' alla Ken Follett) e originale, diventa saga famigliare se letto nel contesto di una corposa trilogia, composta anche dai successivi due capitoli,  Lo Sciamano (ambientato nella metà dell'800, nel selvaggio West; molto bello),  e Il ritorno dello sciamano (storia dell'ultima discendente della famiglia Cole, decisamente meno bello dei precedenti, direi evitabile). Io, Medicus ve lo consiglio caldamente; lo trovate in formato digitale su Amazon a prezzo contenuto (idem per gli altri due capitoli di questa saga).

Lessico famigliare di Natalia Ginzburg. Ecco, da Medicus alla Ginzburg ci vuole il mio coraggio, ma mi piace variare! Il libro che ho amato di più di questa grande scrittrice; autobiografico, descrive la quotidianità della famiglia Levi, tra gli anni '30 e '50 del secolo scorso, è una cronaca famigliare (più che una saga) affettuosa e molto arguta. Un classico.

Una donna e altri animali di Brunella Gasperini. Altro volo pindarico; ma La Gasperini cita spesso la Ginzburg e io cito lei, che nelle cronache famigliari è insuperabile. Una donna e altri animali (prima edizione 1978) è un piccolo gioiello, almeno per me; non a caso è uno dei miei libri del cuore. Racconta la famiglia dell'autrice mescolando realtà e finzione, non è un'autobiografia in senso stretto, attraverso gli animali di casa, che si legano indissolubilmente ai ricordi, tristi, buffi, felici, ironici, di un'esistenza normale e insieme straordinaria. Trovate la recensione completa qui; il libro è facilmente reperibile usato, a prezzo contenuto, specie per copie delle ristampe più recenti (amazon, ebay).

Gli anni della leggerezza, primo capitolo della saga dei Cazalet, di Elizabeth Jane Howard. Recentissimo, questo romanzo segue la quotidianità della famiglia Inglese dei Cazalet, negli anni che precedono di poco lo scoppio della seconda guerra mondiale. Uno dei migliori romanzi del 2015 (recensione qui), attendo con ansia i successivi capitoli. Decisamente da leggere.

Una spola di filo blu di Anne Tyler. Anche questo recente, racconta la saga della famiglia Witshanck; un romanzo che, come ho avuto modo di scrivere più volte, mi ha rubato un po' il cuore. Elogio della quotidianità e struggente cronaca del tempo che passa, inesorabile. Per nostalgici e per lettori pazienti. Il mio pensiero qui.

Casa rossa di Francesca Marciano. Un bel libro, non tanto noto. La grande casa rossa nella campagna leccese sta per essere chiusa definitivamente, serberà il ricordo della famiglia Strada e delle sue donne, così diverse tra loro, così  particolari. Il romanzo ha qualche anno, ma in libreria trovate una ristampa economica del 2014, fateci un pensiero!

Non vi lascerò orfani di Daria Bignardi. Autobiografico; la morte della madre dell'autrice è lo spunto per raccontare la storia della sua famiglia, ricordi di un passato più o meno lontano che hanno come comune denominatore lo struggente dolore della perdita, raccontato sottovoce e velato di ironia. Una Bignardi che non immaginereste, un libro davvero commovente.

Qui mi fermo, altrimenti vi annoiate! la verità è che il genere offre davvero tanti titoli, di tanti autori più o meno noti; ho voluto ricordare, in queste chiacchiere, alcuni romanzi di cui serbo un ricordo particolare, che mi hanno colpita, che , in alcuni casi, ho letto più di una volta. Senza nulla togliere a tanti altri, magari più famosi o recenti ( ad esempio Il ciclo dei Courteney di Wilbur Smith, composto da alcuni capitoli davvero affascinanti, ma anche da alcuni davvero noiosi o le tre generazioni di donne di Acquanera di Valentina D'Urbano). 
Spero di avervi dato, nel mio piccolo, qualche titolo da scoprire o riscoprire.
Alla prossima chiacchiera librosa!











Commenti

  1. Io di questi ho letto solo l'ultimo... Per ti segnalo che dal libro Medicus è stato tratto un film tedesco (omonimo) nel 2013.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, grazie, non lo sapevo, proverò a recuperarlo (anche se in genere i film tedeschi tratti da romanzi inglesi/americani non vengono un gran bene!).

      Elimina
    2. Ho letto il libro e l' ho trovato meraviglioso.Ho visto pure il film ma la storia è trasformata e non merita.

      Elimina
    3. Ho visto che l'hai letto e recensito! (ho cercato di lasciarti un commento, ma per oscuri motivi non viene pubblicato). Pensavo che Medicus non lo conoscesse quasi nessuno, mi sento meno sola!

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Mi sembrano dei suggerimenti interessanti. Credo che partirò dagli anni della leggerezza. Non resisto quando i romanzi di questo tipo sono ambientati in Inghilterra. Accidenti...non resisto quasi a nulla, se si tratta di letteratura inglese.
    Ciao da Lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sicura ti piacerà! fammi sapere :)

      Elimina
    2. Intanto l'ho ordinato!!!!
      ciao

      Elimina
    3. Sono curiosa di sapere cosa ne pensi (se non ti piace..non mi verrai a picchiare, vero?).

      Elimina
    4. Non può non piacermi vista l' ambientazione. Spero di non deludenti, ma con l' uomo di Lewis sto faticando un po'.

      Elimina
    5. Non può non piacermi vista l' ambientazione. Spero di non deludenti, ma con l' uomo di Lewis sto faticando un po'.

      Elimina
    6. ohhh, mi spiace :( A me Finn piace tanto. E la storia l'ho trovata così accorata, ben scritta. Avevi letto il primo della trilogia?

      Elimina
  4. La casa degli spiriti, comprato tantissimo tempo fa...ancora attende il suo turno, lo leggero prima o poi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, dai! dagli una chance, secondo me non te ne pentirai.

      Elimina
  5. Ciao Tessa, di tutti questi titoli ho letto solo La casa degli spiriti di cui conservo un bel ricordo!!! Conta le stelle se puoi mi ha colpito di più e lo aggiungo alla mia wishlist! Interessante la tua rubrica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :) A me Conta le stelle... è piaciuto parecchio. Spero possa trovarlo bello anche tu!

      Elimina
  6. CONFESSO DI NON AVER MAI SENTITO PARLARE DI Medicus e la trilogia della famiglia Cole ma è veramente molto interessante come trama ... chissà se riesco a recupararlo in biblioteca.

    Lessico famigliare lo lessi alle scuole superiori e ne conservo un brutto ricordo, temo non fosse adatta come lettura ad una ragazza della mia età di allora ... dovrei provare a rileggerlo per vedere l'effetto che fa ;)
    Chicca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiccaaa! ti ho beccato impreparata su Medicus. E tu NON sei mai impreparata. :P

      Elimina
  7. Ho letto anni fa la Casa degli Spiriti, libro MERAVIGLIOSO. E quest'anno ho letto il primo volume della saga dei Cazalet, che mi è davvero piaciuto molto. Lessico famigliare l'ho letto tanti anni orsono, alle medie, come compito delle vacanze. Purtroppo essendo un compito non credo di averlo apprezzato a dovere, credo dovrei rileggerlo. Le altre non le ho mai lette. Prendo spunto!
    Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimi i Cazalet! sono contenta sia piaciuto anche a te. Lessico famigliare io l'ho letto a 20 anni e ne ho un bel ricordo. In effetti potrei rileggerlo adesso, a distanza di tanti anni. Chissà...

      Elimina

Posta un commento