Lettori fissi / segui il blog!

Recensione: La via del male di Robert Galbraith (Ediz. Salani, 2016).

Cari i miei Super Lettori, oggi parliamo dell'ultimo romanzo di Robert Galbraith (aka J.K. Rowling, creatrice di Harry Potter), La via del male. Si tratta della terza avventura della serie che vede come protagonisti l'investigatore privato Cormoran Strike e la sua assistente Robin Ellacott.
Che questa strana coppia abbia conquistato fin dal romanzo d'esordio (Il richiamo del cuculo, potete recuperare la mia recensione qui) la mia simpatia, è cosa nota. Lui ex-militare, grande e grosso, claudicante e spiegazzato, lei bionda, dolce e angelica, ma con una determinazione di ferro. Tra loro un rapporto lavorativo (e non solo) in continua crescita e trasformazione. C'è sintonia, affetto, c'è Robin, promessa sposa a un coetaneo perfettino e senza sugo, che guarda Cormoran con evidente adorazione, e lui, che di donne sbagliate ne ha avute una valanga, che tratta lei come un oggetto raro e fragile. I due funzionano, anche quando la trama gialla personalmente non mi esalta, come è accaduto nel il secondo libro della serie (Il baco da seta, qui la recensione)
Leggendo i commenti dei lettori in rete, mi sono resa conto della grande e crescente simpatia che il pubblico nutre per Cormoran e Robin, di quanto la loro storia personale interessi quasi più delle loro complicate avventure poliziesche.
Bene, in questo romanzo l'autrice ci regala esattamente ciò che molti di noi desideravano: mette i due protagonisti al centro di una trama costruita e modellata attorno ai loro personaggi, funzionale a mettere in risalto pagine finora taciute del loro passato; vedremo il loro rapporto evolvere, sentiremo crescere quella tensione che cova fra i due fin dal loro primo incontro. E tutto partendo da una gamba amputata e recapitata all'ufficio di Strike con un corriere. Truculento e un po' perverso, tra arti in busta e incursioni nel mondo dei transabili (persone che si sentono a disagio nel proprio corpo sano e ambiscono alla disabilità), tra loschi figuri che emergono dal passato di Cormoran e dolori impensabili che filtrano da quello di Robin, appostamenti, inseguimenti e abiti da sposa, La via del male è un romanzo che si legge in modo compulsivo, un vero page turner. Sì, forse è un po' esagerato in alcuni punti, un po' telefilm di Shonda Rhimes nel finale, ma è sicuramente un libro divertente, coinvolgente e scritto davvero bene. E' cupo, ma con un pizzico di romanticismo per nulla sdolcinato che non guasta. 
La Rowling ha definito questa serie di romanzi "il suo personale parco giochi": evidentemente si è divertita un mondo a scrivere La via del male, e io anche di più a leggerlo!
Questa è una di quella recensioni in cui posso raccontare davvero poco riguardo la trama, vi rovinerei la lettura e anche sui protagonisti e sul finale.. mi tocca chiudere la bocca. Leggete il romanzo, ne vale la pena. E poi tornate qui, che ne riparliamo!
Vi lascio la sinossi ufficiale:
Quando un misterioso pacco viene consegnato a Robin Ellacott, la ragazza rimane inorridita nello scoprire che contiene la gamba amputata di una donna. L'investigatore privato Cormoran Strike, il suo capo, è meno sorpreso, ma non per questo meno preoccupato. Solo quattro persone che fanno parte del suo passato potrebbero esserne responsabili - e Strike sa che ciascuno di loro sarebbe capace di questa e altre indicibili brutalità. La polizia concentra le indagini su un sospettato, ma Strike è sempre più convinto che lui sia innocente: non rimane che prendere in mano il caso insieme a Robin e immergersi nei mondi oscuri e contorti degli altri tre indiziati. Ma nuovi, disumani delitti stanno per essere compiuti, e non rimane molto tempo...

Genere: tira e molla tra le vie di Londra.
Pagine: 603.
Voto: 
              e mezzo!

Commenti

  1. Una cosa che ho notato solo adesso e mi ha stupita: sono davvero 603 pagine? Io non le ho sentite affatto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nemmeno io, ma quando ho caricato l'ebook nel kobo e ho visto le pagine..ho preso paura!

      Elimina
  2. Dovrei scrivere troppe cose Tessa. Per esempio il fatto che io cerchi le recensioni di questo libro in modo ossessivo non è mica normale no? E' come se il page turner continuasse anche dopo la fine.
    Sono sotto incantesimo.
    Per quanto riguarda il giallo: ridatemi l'assassino della porta accanto, la vecchietta dallo sguardo ceruleo e non il serial thriller truculento.
    Ah, bei tempi (letterari) quelli in cui si veniva uccisi con un bicchiere di latte.
    Ciao Tessa!
    baci lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma Leuccia, tu sei rimasta ai vecchi merletti ma poi ti innamori di Cormoran grosso, peloso e per nulla antico. Come facciamo?

      Elimina
  3. Ho proprio bisogno di leggere qualcosa in modo compulsivo... ultimamente non trovo niente che mi appassioni più di tanto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se hai letto anche i precedenti, questo è consigliatissimo! se ti mancano i primi due..allora ti consiglio di iniziare da Il richiamo del cuculo!

      Elimina
  4. Già letto pure io, concordo con la tua recensione priva di spoiler (è davvero complicato eh recensirlo senza dare qualche indizio!!!) e approvo il tuo voto!! :)
    A presto
    Fede

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa è proprio una recensione in cui si può dire..Niente! peccato :)

      Elimina
  5. Lo sto leggendo proprio in questi giorni e come sempre la Rowling è una garanzia!

    RispondiElimina
  6. Ehiiiiiii... c'è nessuuuuuuunoooooo!!! Volevi mica che non cacciassi un urlo? Io, che sono tarda (non ridere!) ho iniziato il primo della serie giusto ieri. Diciamo che un paio di persone che tu ben conosci mi hanno un po' forzato la mano... Nel senso che una mi ha dolcemente chiesto di leggerlo e l'altra me ne ha fatto pervenire una copia direttamente a casa (mica hanno forzato la mano, no no!). E niente, mi sono innamorata di Cormoran pure io!
    Però una cosa l'ho capita: quando andrò da Lea, niente latte per me!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, mi è parso di udire una vocina, lontana. In realtà pare io abbia seri problemi di udito, era forse un barrito??
      Cormy attizza, c'è poco da fare! quindi non ti resta che procedere ed entrare nel club!

      Elimina
  7. Letti i primi due volumi della serie e il terzo è in arrivo. La tua bellissima recensione mi mette di buon umore e non vedo l'ora di entrare in questo meraviglioso parco giochi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che invidia! facci sapere se il parco giochi è di tuo gradimento!

      Elimina
  8. tutte queste belle recensioni mi stanno logorando! io che ancora non ho letto il nuovo libro di RG sono sempre più impaziente! ma ci riuscirò devo solo tenermi lontana dagli spoiler :)

    RispondiElimina
  9. Questi libri sono diventati virali, c'è una vera e propria invasione qui nella blogosfera! Quando succedono queste cose mi spavento un po' e tendo a ritrarmi, aspettando quando il libro in questione raggiunge la calma piatta, e nessuno se lo fila più. Lo so, sono strana. Però è più forte di me. Per ora passo la palla a voi, io mi rifugio ancora un po' tra l'arsenico e i vecchi merletti di Mrs Agatha. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di solito nemmeno io mi butto a capofitto sui libri "fenomeno", ma questo è il terzo volume di una serie, è un appuntamento che io aspettavo con ansia da un po'! Un po' come la serie dell'Ispettore Lynley, di Elizabeth George (una delle mie gialliste preferite), quella per un periodo mi ha creato astinenza, tanto che alcuni volumi li ho letti in inglese.
      Secondo me Cormoran Strike non ti dispiacerebbe. Prova col prima, che ormai non è più virale :)
      Baci

      Elimina
    2. Eh mi sa che cederò e comprerò il primo volume! Anche io adoro Elizabeth George...adesso che mi ci fai pensare è da tantissimo che non leggo un suo giallo devo correre ai ripari!

      Elimina
  10. Ciao Tessa! Possiedo il primo, e ora che avrei tanta voglia di conoscere Cormoran e Robin, mio figlio, il non-lettore, mi ha rotto le uova nel paniere e si è messo a leggerlo...mmmm che nervi, dovrò rispettare i suoi tempi per una volta che lo vedo con in mano un libro e non con l'Iphone. Intanto la tua recensione dopo quella di Lea mi invoglia ancor di più a tuffarmi tra le braccia della Rowling. E se ho il primo devo avere pure gli altri due no??? Diretti in wish!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non fa una grinza, il ragionamento! lascia che il pargolo si diverta..e poi attacca tu!

      Elimina
  11. Ho sentito molto parlare di questo libro, lo vedo ovunque sul web. Molto interessante questa recensione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! non posso che consigliare l'intera serie, se ancora non la conosci!

      Elimina
  12. Direi che è quello che mi è piaciuto di più! Si legge d'un fiato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non ho capito il finale... chi sposa Robin dei 2?

      Elimina
    2. Penso che la domanda che tutte ci poniamo sia "sposa il fidanzato o no??". l'autrice ci lascia nel dubbio!

      Elimina
  13. Direi che è quello che mi è piaciuto di più! Si legge d'un fiato!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari