Lettori fissi / segui il blog!

Chiacchiere Librose: I migliori romanzi della bella stagione!


Buongiorno Lettori, oggi vi propongo due chiacchiere librose! 
Qualche settimana fa vi avevo parlato di alcuni romanzi- delusione finiti nell'apposito cestone durante l'estate (qui); oggi, giornata uggiosa, freddina e quasi invernale, voglio invece ricordare con voi le migliori letture dei mesi passati, tanto per fare un po' il punto della situazione e riassumere, per chi si fosse perso qualche recensione, la mia personale classifica dei libri da non perdere.
Mi sono riguardata i post da giugno fino ad oggi, e devo dire che, a mente fredda e col senno di poi, a parità di votazione finale alta, alcuni titoli sono rimasti più impressi di altri. Andiamo a scoprire quali e perchè.


Equivoci e bugie di Joanna Cannon: per la grande capacità dell'autrice di ricostruire uno spaccato della vita della provincia inglese degli anni '70 e per due piccole protagoniste che mi hanno rubato il cuore. Recensione.

Beate noi di Amy Bloom: perchè anche a distanza di mesi lo ricordo come un libro sorprendente, drammatico ma anche frizzante, triste ma ironico. Anche in questo caso due protagoniste che, nel bene e nel male, si sono conquistate un posto speciale nella mia classifica personale. Recensione.



La figlia sbagliata di Raffaella Romagnolo: perchè ancora non riesco a staccarmi di dosso la claustrofobia dell'appartamento in cui è ambientato, e ancora ho davanti gli occhi l'immagine della protagonista nell'ultima scena. Un romanzo drammatico e forte, un pugno nello stomaco che non si scorda facilmente. Ha preso un voto forse più basso degli altri, ma la sua è la storia che mi è rimasta più impressa. Recensione.

Amy e Isabelle di Elizabeth Strout: uno dei più acuti e profondi ritratti del rapporto madre-figlia letti negli ultimi anni. Un libro che ha bisogno del giusto momento e del suo tempo, ma ne vale la pena. Recensione.



Diversi modi per ricominciare di Jon McGregor: si può raccontare una vita tramite degli oggetti comuni? Sì, a questo autore riesce benissimo; ecco il romanzo outsider, iniziato per puro caso e decisamente coinvolgente. Recensione.

Le cose cambiano di Cathleene Schine: per l'incredibile vitalità della protagonista, per i dialoghi arguti, per la capacità di raccontare la terza età con ironia e verità. recensione.



Confusione di Elizabeth Jane Howard: perchè il terzo volume della saga della famiglia Cazalet è decisamente all'altezza dei primi due e io sono ormai innamorata delle vicende di questo clan terribilmente british! Presto la mia recensione!

La via del male di Robert Galbraith: dalla mamma di Harry Potter, un giallo classico con due protagonisti strepitosi. E' il terzo capitolo di una serie e mi è piaciuto più dei precedenti (che già avevo amato). Da non perdere. Recensione.


Ecco i miei romanzi preferiti dei mesi estivi, li avete letti? li conoscete?
Tirando le somme mi sono resa conto che c'è solo un romanzo italiano nella mia classifica personale, così come c'è solo un giallo; la maggior parte di questi libri racconta storie di famiglia, di rapporti tra generazioni diverse o storie di amicizia.  Il fatto che ci sia solo un titolo italiano penso sia del tutto casuale (leggo volentieri romanzi nostrani e di solito mi piacciono molto), mentre la predominanza di un genere su altri, credo sia lo specchio dell'evoluzione dei miei gusti di lettrice: qualche anno fa questa lista sarebbe stata piena di thriller e sicuramente non avrei apprezzato pienamente un romanzo sulla terza età. 
Per oggi è tutto, alla prossima!

Commenti

  1. Complice Libraccio, ho finalmente recuperato Gli anni della leggerezza, adesso aspetta il suo momento.
    Su La Via del Male concordo, aspetto con ansia il prossimo dopo quel finale banalotto.
    Ho segnato La figlia sbagliata e Beate noi, mentre Diversi giorni per ricominciare è sul Kindle.
    Ciao Tessa, grazie e buone (nuove) letture. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cecilia...sei proprio fornita di tutto!! non mi resta che augurarti buona lettura (sono sicura che ti innamorerai dei Cazalet!).

      Elimina
  2. In effetti un po' di queste recensioni me le sono perse per strada, quindi ben venga un post riassuntivo!
    Sia la saga dei Cazalet che le indagini di Cormoran Strike sono già segnati tra i libri da leggere assolutamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..mi sbilancio e ti dico che Cormoran e I Cazalet sono in assoluto le serie di romanzi che amo di più, non hanno eguali nei rispettivi generi :)
      Corri a ripescarli!

      Elimina
  3. Ciao Tessa, qlcuno letto, qlcuno in attesa di un po' di tempo ma in lista, pochi (forse solo 1) che probabilmente nn leggerò mai.
    Un post riassuntivo è una buona idea, perchè permette di fare qlche riflessione sulle proprie letture.

    L'unico che mi resta proprio sul gobbo è Galbraith: letto i primi due che mi hanno lasciata molto perplessa, il 1° soprattutto. Ho in lista il 3° per decidere se è definitivamente pollice verso oppure no.
    Resto sempre molto dubbiosa in questi casi.
    Autore che pubblica in incognito e che, a venire molto basse, improvvisamente viene scoperto come la mom di Harry Potter. E le vendite schizzato in alto. Mah...
    Sicuramente i personaggi sono il forte di quest'autrice. Ma la trama del mistero è onestamente poco efficace.
    Vedremo con il 3°.

    Ma in generale guardando le tue letture, non posso fare a meno di compiacermi per i titoli limitatamente "thrillereschi".
    Complimenti, uno più interessante dell'altro.
    Ciao, Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marina! devo dire che io sono una delle poche al mondo a non aver letto Harry Potter e quindi per me Rowling o Galbraith fa poca differenza; la serie a me piace, mi piacciono i personaggi, e del primo e del terzo volume mi è piaciuta assai anche la trama gialla (il secondo non mi ha convinto).
      Gli altri sono un mix di generi, tutti da provare!

      Elimina
  4. Ciao Tessa, qlcuno letto, qlcuno in attesa di un po' di tempo ma in lista, pochi (forse solo 1) che probabilmente nn leggerò mai.
    Un post riassuntivo è una buona idea, perchè permette di fare qlche riflessione sulle proprie letture.

    L'unico che mi resta proprio sul gobbo è Galbraith: letto i primi due che mi hanno lasciata molto perplessa, il 1° soprattutto. Ho in lista il 3° per decidere se è definitivamente pollice verso oppure no.
    Resto sempre molto dubbiosa in questi casi.
    Autore che pubblica in incognito e che, a venire molto basse, improvvisamente viene scoperto come la mom di Harry Potter. E le vendite schizzato in alto. Mah...
    Sicuramente i personaggi sono il forte di quest'autrice. Ma la trama del mistero è onestamente poco efficace.
    Vedremo con il 3°.

    Ma in generale guardando le tue letture, non posso fare a meno di compiacermi per i titoli limitatamente "thrillereschi".
    Complimenti, uno più interessante dell'altro.
    Ciao, Marina

    RispondiElimina
  5. Sai che non ne ho letto neanche uno? Ahhh sono pessima :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari non sono nelle tue corde! se ti piace il genere british vintage, recupera i Cazalet, se ami il giallo classico, allora prova Galbraith. E poi...fammi sapere!

      Elimina
  6. Ciao! Devo ammettere di non aver letto nessuno di questi libri... ma ora che hai fatto questo post "riassuntivo", andrò a vedere le recensioni!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se trovi qualcosa che fa per te..fammi sapere! grazie di essere passata :)

      Elimina
  7. Ho adorato i Cazalet, mi intriga moltissimo Cathleen Shine e la Strout mi ha rubato il cuore :) ora ho in programma di leggere (non so se li conosci :)) "Anatomia del soldato", "scomparsa" e "Paradise Sky".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara, dunque..il primo non lo conosco, Scomparsa l'ho da tempo sul kobo ma ancora non l'ho letto (fammi sapere com'è!) e Lonsdale è una mia grande lacuna, non ho letto quasi nulla di suo. Devo recuperare!
      La Schine te la consiglio caldamente!

      Elimina
  8. Ciao Tessa,
    Equivoci e bugie non l'ho finite, mentre Beate noi non so se lo leggerò. Tutti gli altri li ho letti o sono in wl a partire dalla Schine.
    un bacio da lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lea, mi ricordo che Equivoci e bugie non ti è piaciuto! giusto così, come ci diciamo sempre: il mondo è bello perchè è vario! e noi condividiamo l'amore per tanti altri autori :)

      Elimina
  9. s si li conosco e la gran parte di loro è in wl. tranne la via del male che ho gia letto ;D
    Equivoci e bugie di Joanna Cannon invece gia prenotato in biblioteca

    RispondiElimina
  10. I Cazalet li conoscerò presto partendo dalle origini come è giusto che sia :) Ho appuntato anche "La figlia sbagliata" in WL e vedremo un po'. Idea molto carina Tessa, mi piace fare il punto! :)

    RispondiElimina
  11. Mi ispira molto "Equivoci e bugie", spero di leggerlo presto.

    RispondiElimina
  12. Beate noi lo vorrei tanto leggere, ma slitta sempre dalla lista degli acquisti, non so perchèxD Confusione l'ho comprato con gli sconti di Settembre ma devo ancora leggerlo. Della Strout ho recentemente letto Olive Kitteridge ma non mi ha fatta impazzire. La tua recensione di Amy e Isabelle, però, è molto interessante e forse in futuro potrei farci un pensierino. Infine, lessi anni fa Il richiamo del cuculo e mi piacerebbe recuperarlo e fargli seguire i restanti due romanzi, che mi intrigano molto. Direi che la lista è finitaxD

    RispondiElimina
  13. Anche io son una fan di Cormoran Strike, mi sono piaciuti molto tutti e tre i romanzi della serie e non vedo l'ora che esca il quarto!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari