Lettori fissi / segui il blog!

Recensione: Il sentiero di Peter May (Ediz. Einaudi, 2017).


Buongiorno Lettori, oggi vi propongo un gradito ritorno, quello di Peter May e del suo ultimo romanzo Il sentiero
Chi mi segue da un po’ già sa quanto io abbia amato la Trilogia dell'isola di Lewis, serie gialla ambientata nel suggestivo paesaggio delle isole Ebridi esterne, e il suo protagonista Fin Mcleod. Se non la conoscete vi consiglio caldamente di recuperarla, trovate le recensioni qui e qui.

Un uomo fradicio e intirizzito si risveglia su una spiaggia sconosciuta. Non ricorda nulla, né di quel che è successo né di sé: ogni memoria è svanita. Aiutato da un'abitante del luogo, recupera qualche brandello della propria identità. Vive in un cottage sull'isola di Harris nelle Ebridi, e sta conducendo delle ricerche sul mistero di tre guardiani scomparsi nel 1900 dal faro locale. Ma i file che dovrebbero contenere i capitoli del libro sono vuoti. L'unico indizio è una mappa su cui è tracciato un sentiero, la Via delle Bare, che attraversa l'isola. L'uomo non sa dove conduca, ma sa che seguirlo potrebbe essere il solo modo di ritrovare sé stesso e la verità.

Con Il sentiero (titolo originale Coffin road), Peter May ci riporta nelle selvagge Ebridi e ci racconta una storia totalmente autonoma rispetto alla trilogia, ma con richiami evidenti ad essa, per la gioia di chi, come me, sperava in quarto capitolo della serie. Il paesaggio e la natura prima di tutto: ritroviamo Harris e Lewis e le altre isole dell'arcipelago, isole incontaminate dai panorami mozzafiato, sferzate da venti incessanti, dove il mare è padrone incontrastato. Luoghi senza tempo, dove sopravvivono intatte tradizioni arcaiche, luoghi che Peter May descrive, anche in questo romanzo, con dovizia di particolari, tanto che, se chiudo gli occhi, potrei quasi guidarvi tra i sentieri bordati di erica e sulle scogliere che sono il teatro in cui si muovono i protagonisti. Ritroviamo anche, come personaggio secondario, il sergente Gunn, già conosciuto nella trilogia; ma il protagonista indiscusso di questo romanzo è un uomo senza memoria, che il mare ha depositato fradicio e senza forze su una spiaggia. Un uomo completamente spaesato che impareremo a conoscere pagina dopo pagina, seguendo il suo sforzo per recuperare ogni singolo ricordo, lungo il tortuoso sentiero della memoria. Cosa ci fa quest'uomo nell'arcipelago? Da dove viene, dov'è la sua famiglia, se esiste? Di chi si può fidare?  
Man mano che piccoli flash del passato ricompongono le tessere di un puzzle intricatissimo e violento, la storia affascina e aggancia il lettore, sfidandolo a ricostruire i fatti, a districarsi tra indizi fuorvianti e colpi di scena. 

Peter May riesce, come già nei precedenti romanzi, a coniugare studio psicologico dei personaggi, che risultano sempre credibili e umanissimi nelle loro incertezze, e azione, mantenendo un buon ritmo e confezionando un thriller, per la precisione un eco thriller (genere che normalmente non mi piace particolarmente) di grande impatto emotivo.

Qualche tempo fa ho letto un altro romanzo con protagonista un uomo affetto da amnesia, si tratta di Io ti ho trovato di Lisa Jewell, un libro piacevole ma con qualche ingenuità narrativa di troppo (recensione): lo stile e la capacità del narratore fa la differenza, Peter May ci porta in un luogo dove la natura ha un indiscutibile fascino e vi ambienta una storia che sarà difficile dimenticare. 
Decisamente consigliato.

Genere: Lo smemorato delle Ebridi.
Pagine: 368.
Voto: 

Commenti

  1. Sempre bello ritovare un autore che si ama! Mai letto un eco thriller!!!!!! Immagino che dovrei.
    Un abbraccio da lea

    RispondiElimina
  2. Great post!

    You have a nice blog!

    Would you like to follow each other? (f4f) Let me know on my blog with a comment! ;oD

    Have a great day!

    xoxo Jacqueline
    www.hokis1981.com

    RispondiElimina
  3. Buongiorno Tessa!
    Ma come, come ho potuto "lisciare" così questo tuo post? Non me lo spiego, ti seguo sempre anche se non sempre commento, ma questa recensione me l'ero proprio persa! E invece ora che la leggo ti sono molto grata, perché mi hai confermato ancora di più che DEVO leggere Peter May, che devo decidermi tra iniziare la trilogia e tuffarmi subito in Coffin Road. Oltretutto, anche da come ne scrivi tu traspare perfettamente l'atmosfera magica del nord, scogliere, vento sferzante, distese di erica... basta, parto (ancora) per la Scozia, ho deciso!
    Ciao da Eva

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Eva! Sì, devi assolutamente leggere Peter May e i suoi romanzi ambientati nelle Isole Ebridi, l'ambientazione è fantastica e i protagonisti si fanno amare. Io inizierei dalla trilogia :) che è una delle mie serie gialle preferite degli ultimi anni. Grazie di essere passata, bacio.

      Elimina

Posta un commento

Post più popolari