Lettori fissi / segui il blog!

Chiacchiere librose: i romanzi delle grandi passioni.

Cari Lettori, da qualche giorno avevo voglia di fare quattro chiacchiere con voi! dopo avervi parlato di amore, amicizia, famiglia e aver fatto incursione nel mondo delle librerie (trovate i post qui), mi sono resa conto di aver "lasciato fuori" alcuni titoli che ho amato e che non rientrano strettamente in nessuna di queste categorie: sono quei libri in cui c'è l'amore, l'amicizia, la famiglia, i grandi sentimenti insomma, mescolati in quantità variabile, a volte con l'aggiunta di un pizzico di mistero. 
Pronti? 
Nel solito ordine sparso:

Il giardino dei segreti di Kate Morton. Potevo non citare la Morton? lei è maestra nel raccontare i sentimenti umani senza mai scadere nel melenso, anzi, avendo spesso l'abilità di sondare nei recessi bui dell'anima, ma senza esagerazioni. I romanzi di Kate Morton sono tutti "godibili", ma Il giardino dei segreti per me è il più bello, un perfetto mix di sentimenti e mistero, abilmente giocato su più piani temporali. Se non l'avete letto..fateci un pensiero!

La biblioteca dei segreti di Rachel Hore. Un'autrice che ho citato più volte; anche lei, come la Morton, gioca con i piani temporali, l'ambientazione inglese e il mix sentimento, mistero, indagine sul passato. La biblioteca dei segreti è un romanzo che ho letto qualche anno fa e che ricordo con piacere, ha un'atmosfera particolare, c'è il diario di un eccentrico astronomo e una misteriosa costruzione nella campagna; la Hore non ha il rigore narrativo della Morton, ma i suoi romanzi sono tutti piacevoli (eccetto La figlia del decoratore, l'ultimo, che è noiosissimo).

Senza guardarsi indietro di Lesley Pearse. Questo romanzo non è sicuramente un capolavoro, metto le mani avanti. In certi punti è davvero un'americanata, con i personaggi "tagliati con l'accetta" (termine che usa una mia lontana parente, glielo rubo perchè rende bene l'idea), ma la storia di Matilda, da fioraia al mercato del Covent Garden a colona del selvaggio Far West (per non parlare del resto), mi ha davvero tenuta incollata alle sue pagine. Mr Ink di Diario di una dipendenza lo definirebbe un guilty pleasure, io non trovo termine migliore!

I ricordi della casa sul lago di Rosie Thomas. Due generazioni di donne, ambientazione esotica, una sciarpa come filo d'Arianna. Un romanzo poco conosciuto che a me è piaciuto molto. L'avevo recensito qui. Non lasciatevi ingannare dalle apparenze, provatelo!

La donna delle rose di Charlotte Link. Ecco un'altra scrittrice che non potevo non citare! Charlotte Link spazia dallo storico al thriller, dalla storia d'amore al noir, con grande capacità narrativa e con personaggi sempre azzeccati. I suoi romanzi mi sono piaciuti quasi tutti (gli ultimi tre, in ordine di pubblicazione, sono forse i meno riusciti), ma La donna delle rose è quello che ricordo con maggior piacere. Ambientato sull'isola di Guersney, la storia si divide tra il presente e l'epoca dell'occupazione tedesca delle Isole del Canale, durante la seconda guerra mondiale. Da leggere!

Il muro invisibile di Harry Bernstein. Questo romanzo poteva benissimo rientrare tra le storie famigliari (l'autore ha scritto altri tre romanzi che ne sono il seguito ideale), visto che che me ne sono dimenticata quando ho scritto il post apposito e visto che si parla anche di amore e di amicizia, lo segnalo oggi. Io l'ho trovato delicatissimo, malgrado i temi affrontati. E' la storia di una famiglia ebrea polacca che vive in una cittadina industriale del nord dell'Inghilterra, dove un muro invisibile divide cristiani e ebrei. Diverse usanze, diverse tradizioni, ma uguale miseria. E l'amore? conosce muri invalicabili? Non lasciatevi fuorviare, non è un libro terribilmente triste. E' un bel libro e basta!

Ritorno a Tara Road di Maeve Binchy. Questa Binchy è come il prezzemolo, ve la cito sempre. Questo perchè, secondo me, i suoi romanzi migliori rimangono poco conosciuti e lei troppo spesso etichettata come semplice autrice "rosa". Questo è un bel romanzo, dal quale è stato tratto anche un film, un romanzo sulla voglia di ricominciare di due donne e su due case che...non ve lo racconto. Provatelo! (lo trovate in biblioteca o nei mercatini dell'usato, credo non ci siano ristampe recenti).

Strane creature di Tracy Chevalier. Il mio libro preferito di questa famosissima autrice, maestra nel genere romanzo storico. Ambientato nel 1811, in un villaggio sulla costa inglese, racconta la storia delle sorelle Philpot e dell'amicizia con Mary, umile figlia di un ebanista, affascinata dalla ricerca di reperti fossili e destinata, con i suoi ritrovamenti, a influenzare la moderna paleontologia. Un argomento non proprio facile, che la Chevalier riesce a rendere affascinante, mescolando storia e fiction e creando personaggi femminili indimenticabili.

Siete stufi? io un po' sì! e rimangono ancora un bel po' di titoli, quindi per oggi mi fermo qui, ma ci sarà sicuramente un'altra puntata di Chiacchiere librose dedicata alle grandi passioni! 
Stay tuned!












Commenti

  1. Eccomi qui: a questi tuoi post mi accosto sempre con carta e penna per prendere appunti. Strane creature mi è piaciuto molto, la donna delle rose un po' meno perchè a tratti l'ho trovato troppo romantico (gli preferisco la casa delle sorelle). Gli altri non li conosco e soprattutto sento di dover leggere la Binchy e in particolare quello che consigli. Non ho mai letto nulla di suo, proprio per l'etichetta che le è stata cucita addosso. Voglio rimediare.
    Anche la biblioteca dei segreti non posso lasciarmelo scappare. E gli altri?
    Beh, mi conforta avere libri da leggere fino alla fine dell'anno.
    Buona domenica Tessa!
    un saluto da Lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello anche La casa delle sorelle ( e anche il durissimo Nobody) della Link, hai ragione!
      Della Binchy ti consiglio questo Tara Road, L'amica del cuore (bello bello) e anche Amiche, che è carino. Ne ho letto un paio in inglese pure bellini, ma temo non li abbiano tradotti. Altri sono da evitare (biancospini, dolci, sogni...tutta fuffa). La Morton devi assolutamente leggerla (e pure Rachel Hore)! insomma..ne hai per un po' :)

      Elimina
  2. Ciao Tessa. Mi è piaciuto il tuo elenco. E a differenza di Lea che usa carta e penna, io faccio molti screenshots! 😉
    Dell'elenco concordo con la donna delle rose e strane creature. Entrambe le scrittrici mi piacciono molto! L'isola di guernsey mi perseguita (in senso positivo) e dovrò approfondire l'argomento.......
    Per gli altri libri quindi ti saprò dire: appuntamento quindi un po'in là, rispetto a questo post.
    Mi interessa anche il tuo discorso su alcuni che hai letto in inglese. Deduco quindi tu lo sappia bene, per esserti cimentata. È fattibile leggere la binchy..... il mio inglese è di medio livello......
    Tu hai letto Alexander McCall Smith e la sua serie Detective Lady Agency? Simo la Biblio aveva consigliato di provare questi in lingua originale.... tu che dici?
    Auguro una buona domenica, sperando che almeno oggi le figlie lascino un po' di tempo per libri ed idee scrappose.
    Ciao, Marina

    RispondiElimina
  3. Ciao Tessa. Mi è piaciuto il tuo elenco. E a differenza di Lea che usa carta e penna, io faccio molti screenshots! 😉
    Dell'elenco concordo con la donna delle rose e strane creature. Entrambe le scrittrici mi piacciono molto! L'isola di guernsey mi perseguita (in senso positivo) e dovrò approfondire l'argomento.......
    Per gli altri libri quindi ti saprò dire: appuntamento quindi un po'in là, rispetto a questo post.
    Mi interessa anche il tuo discorso su alcuni che hai letto in inglese. Deduco quindi tu lo sappia bene, per esserti cimentata. È fattibile leggere la binchy..... il mio inglese è di medio livello......
    Tu hai letto Alexander McCall Smith e la sua serie Detective Lady Agency? Simo la Biblio aveva consigliato di provare questi in lingua originale.... tu che dici?
    Auguro una buona domenica, sperando che almeno oggi le figlie lascino un po' di tempo per libri ed idee scrappose.
    Ciao, Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marina! dunque, penso la Binchy sia fattibile in inglese, io avevo letto Echoes e The glass lake e non avevo trovato grosse difficoltà (il mio è un inglese da liceo linguistico, abbandonato per anni e rispolverato recentemente guardando telefilm e film in lingua)(sottotilati, eh, mica son così brava). La serie di McCall SMith non la conosco, non posso aiutarti!
      Buona domenica e buono scrapping (ma voi udinesi fate tutte scrapping ??). ;)

      Elimina
  4. Bene bene. Visto che sono una grandissima ammiratrice di Kate Morton, in attesa che venga tradotto il suo nuovo romanzo, proverò a leggere qualcosa di Rachel Hore.
    Spero che non sia una sua versione un pò snacquaita.... :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova, poi mi sai dire, evita solo La figlia del decoratore!

      Elimina
  5. Di tutti i libri che hai sopra elencato ho letto solo I giardini dei segreti e Strane creature, entrambi molto belli! Gli altri non li conosco!!! Che dire la Morton è una delle mie scrittrici preferite e la Chevalier ha uno stile tutto suo, romanzo e spunti storici caratterizzano i suoi romanzi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Morton mette d'accordo tutti, mi pare di capire! prova Rachel Hore!

      Elimina
  6. Adoro, e già lo sai, la Morton!!!! Stran creature non lo conoscevo, credo potrebbe piacermi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provalo! secondo me ti piacerebbe, e poi fammi sapere!

      Elimina
  7. Risposte
    1. :) anch'io Cuore! a parte gli ultimi della Link che mi hanno un po' delusa...

      Elimina
  8. ciao Tessa, ne avevamo parlato anche in altra sede e come sai ho amato moltissimo Il muro invisibile un romanzo che mi è rimasto attaccato addosso e che pubblicizzo sempre tra tutti i miei amici.
    anche Strane creature della chevalier mi è molto piaciuto infatti dopo averlo letto sono andata a cercare in rete tutti i dettagli sulla vita della protagonista che mi aveva affascinata :)
    della binchy ho letto qualcosina ma non la amo particolarmente ... hai suggerimenti su di lei per farmi cambiare idea? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Della Binchy ti consiglio l'amica del cuore, se lo trovi (temo sia fuori catalogo, ma non sono sicura), anche Ritorno a Tara Road è molto carino.
      Il muro invisibile è troppo poco conosciuto, peccato, perchè è un piccolo capolavoro!
      Baci baci :)

      Elimina

Posta un commento