Lettori fissi / segui il blog!

Recensione:Il ragazzo in soffitta di Pupi Avati (Ediz. Guanda, 2015).

Oggi vi lascio il mio pensiero su Il ragazzo in soffitta, primo romanzo del regista Pupi Avati, un libro che mi è piaciuto davvero tanto.

Narrato su due piani temporali e ambientato in due città, con toni e atmosfere molto differenti, il racconto si rivela un noir carico di suspense.
A Bologna, città cara ad Avati, nel presente, Berardo detto Dedo è un adolescente simpatico e con poca voglia di studiare, la sua vita è quella di un normale liceale, tanti amici, la prima cotta, genitori separati e un fratello autistico. 
Giulio, un nuovo compagno di scuola di Dedo, è invece il classico perdente, grassoccio, timido, indossa orribili cravatte e conosce l'Eneide a memoria. Vive solo con la mamma, non ha mai conosciuto suo padre.
A Trieste, qualche anno fa, Samuele Menczer subisce il rapporto morboso di una madre malata e in perenne lutto e di un padre silenzioso e colpevole. È fisicamente un diverso che cerca perennemente di compiacere i sogni di gloria musicale che mamma e papà nutrono nei suoi confronti. Non ha talento, nemmeno un briciolo, la sua vita è una lunga serie di delusioni e fallimenti. La sua strada, lastricata di rabbie, rancori e desideri di rivalsa,  è destinata all'inferno. Diventerà un mostro, Samuele, di quelli che la cronaca nera, la tv e i giornali piazzano in prima pagina.
A Bologna, Dedo racconta in prima persona, con il tono e lo stile semplice ed esuberante di un ragazzo, la sua imprevedibile amicizia con Giulio lo sfigato. 
A Trieste, in terza persona, ci viene raccontata in modo preciso, ricercato e quasi asettico, la nascita di un orco violento.
Quando le vicende di Dedo, di Giulio e di Samuele Menczer, ormai anziano, si incrociano, i due ragazzi si ritrovano legati indissolubilmente da colpe e tragedie del passato più grandi di loro, in un crescendo di follia, fino al finale, decisamente sorprendente.
Ho amato questo romanzo così particolare, con i due piani temporali caratterizzati da narrazioni stilisticamente così opposte: l'esuberanza di Dedo, il ripiegarsi in se stesso di Samuele, la sana ignoranza del primo, la malata applicazione del secondo. E Giulio in mezzo, sospeso fra i due mondi.
È un romanzo noir in cui la pietà umana è comunque protagonista, dove non ci sono vincitori, dove nulla è completamente cattivo o buono, bianco o nero.
Un libro che tratta temi attuali, dalla malattia, fisica e psichica, all'amore come forza distruttiva, all'amicizia che rende coraggiosi, e lo fa in modo garbato e partecipe, sondando il lato oscuro che si nasconde in molti di noi.
Da leggere.

Genere: Non aprite quella porta.
Pagine:248.
Voto:
 
                e mezzo

Commenti

  1. Mi piace Genere: Non aprite quella porta. :)
    Voglio proprio leggerlo. Già Silvia, qualche mese fa, mi ha messo la pulce nell'orecchio.

    RispondiElimina
  2. Bello, bello, mi è piaciuto molto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..e il finale mi ha lasciata come un tortello! io pensavo al colpo di scena, ma tutto diverso (paternità, tappezziere..roba del genere).

      Elimina
  3. voi blogger siete la mia maledizione! io smaltisco libri, poi leggo le vostre recensione e la lista della spesa si allunga in maniera chilometrica. ne hai parlato troppo bene e mi ha stesa con questa recensione, DEVO AVERE QUESTO LIBRO!
    :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah Chicca, mi fai morire! "voi blogger"...perchè tu cosa sei? Il libro è molto particolare e mi sento di consigliartelo.

      Elimina
    2. l'ho segnato tra i titoli da prendere a settembre! grazie Tessa. baci e buona domenica

      Elimina
  4. curiosa di leggere questo romanzo di un regista che mi piace molto!! credo che sarà tra i prossimi in lettura!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io amo molto Pupi Avati. In questo romanzi troverai molti temi a lui cari, con una punta di inedito noir!

      Elimina
  5. Bella recensione! Avevo già notato questo libro, dopo aver letto il tuo commento ho deciso di leggerlo. Prendo nota :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! spero ti piaccia quanto è piaciuto a me, fammi sapere.

      Elimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari