Lettori fissi / segui il blog!

La mia settimana librosa 2. # 3

Buongiorno a tutti! che succede qui in libreria? vediamo....
Ho finito di leggere Nella mente dell'ipnotista di Lars Kepler (recensione) e La dittatura dell'inverno di Valeria Ancione (recensione), il primo mi ha divertito, senza essere all'altezza dei precedenti (serie dell'Ispettore Joona Linna), per il secondo si è reso necessario un periodo di "digestione" (ho letto il romanzo provando un continuo senso di irritazione nei confronti della protagonista).
Sto leggendo Non è stagione di Antonio Manzini un giallo edito da Sellerio che mi ricorda molto un Montalbano ambientato tra i monti valdostani (lo so, sembra assurdo, ma è così). Molto humor, per ora, trama gialla un po' leggera. Vi saprò dire di più!
C'è un'azione parallela, in questa inchiesta del vicequestore Rocco Schiavone, che affianca la storia principale. È perché il passato dell'ispido poliziotto è segnato da una zona oscura e si ripresenta a ogni richiamo. Come un debito non riscattato. Come una ferita condannata a riaprirsi. E anche quando un'indagine che lo accora gli fa sentire il palpito di una vita salvata, da quel fondo mai scandagliato c'è uno spettro che spunta a ricordargli che a Rocco Schiavone la vita non può sorridere. I Berguet, ricca famiglia di industriali valdostani, hanno un segreto, Rocco Schiavone lo intuisce per caso. Gli sembra di avvertire nei precordi un grido disperato. È scomparsa Chiara Berguet, figlia di famiglia, studentessa molto popolare tra i coetanei. Inizia così per il vicequestore una partita giocata su più tavoli: scoprire cosa si cela dietro la facciata irreprensibile di un ambiente privilegiato, sfidare il tempo in una corsa per la vita, illuminare l'area grigia dove il racket e gli affari si incontrano. Intanto cade la neve ad Aosta, ed è maggio: un fuori stagione che nutre il malumore di Rocco. E come venuta da quell'umor nero, un'ombra lo insegue per colpirlo dove è più doloroso.

New entry in libreria.
Ho ricevuto in omaggio proprio ieri da Mondadori (che ringrazio!) il nuovo romanzo di Fabio Genovesi, Chi manda le onde. E' un autore che personalmente non conosco, quindi sono molto curiosa di "provarlo". Voi lo conoscete?
Ci sono onde che arrivano e travolgono per sempre la superficie calma della vita. Succede a Luna, bimba albina dagli occhi così chiari che per vedere ha bisogno dell'immaginazione, eppure ogni giorno sfida il sole della Versilia cercando le mille cose straordinarie che il mare porta a riva per lei. Succede a suo fratello Luca, che solca le onde con il surf rubando il cuore alle ragazze del paese. Succede a Serena, la loro mamma stupenda ma vestita come un soldato, che li ha cresciuti da sola perché la vita le ha insegnato che non è fatta per l'amore. E quando questo tsunami del destino li manda alla deriva, intorno a loro si raccolgono altri naufraghi, strambi e spersi e insieme pieni di vita: ecco Sandro, che ha quarant'anni ma vive ancora con i suoi, e insieme a Marino e Rambo vive di espedienti improvvisandosi supplente al liceo, cercando tesori in spiaggia col metal detector, raccogliendo funghi e pinoli da vendere ai ristoranti del centro. E poi c'è Zot, bimbo misterioso arrivato da Chernoyl con la sua fisarmonica stonata, che parla come un anziano e passa il tempo con Ferro, astioso bagnino in pensione sempre di guardia per respingere l'attacco dei miliardari russi che vogliono comprarsi la Versilia. Luna, Luca, Serena, Sandro, Ferro e Zot, da un lato il mare a perdita d'occhio, dall'altro li profilo aguzzo e boscoso delle Alpi Apuane.

            Per oggi è tutto!
                                      un bacione xxx

Commenti

  1. Adesso sono curiosa anch'io di scoprire il nuovo autore ;) Appena finisco i libri comprati finora...!
    Buona lettura :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari